Le parole della filosofia 2020 | TRAILER

Festival del Pensiero Plurale
LE PAROLE DELLA FILOSOFIA
da febbraio a maggio 2020

“La filosofia non è una disciplina (sebbene sia stata in parte istituzionalizzata), non è un sapere specialistico, né un mestiere, né un’occupazione. Vaga qui e là, anche sulla pubblica piazza, in forme diverse, travestimenti molteplici.”(Donatella Di Cesare, Sulla vocazione politica della filosofia, Bollati Boringhieri, 2018, p. 75)

Tutti gli incontri sono ad INGRESSO LIBERO

Ideazione e direzione
Giancarlo Galeazzi, presidente onorario SFI di Ancona

Consulenza artistica
Simona Lisi

Relazioni esterne
Francesca Di Giorgio

Collaborazione giornalistica
Federica Zandri

Video
Andrea Veramonti

Riprese e montaggi
Daniele Pazzaglia

Ufficio Stampa Comune di Ancona
telefono 071 222 23 25
federica.zandri@comune.ancona.it

Concept creativo e Comunicazione
Lirici Greci design consultancy
info@liricigreci.itwww.liricigreci.it

Info e contatti
Mobile 338 592 62 27
galeazzigiancarlo@gmail.com
parolefilosofia@gmail.com
Lirici Greci
338 5809611 / info@liricigreci.it

Organizzazione
Associazione Culturale Ventottozerosei
ventottozero6@gmail.comwww.ventottozerosei.it
Teatro Sperimentale “Lirio Arena”
Ancona – Via Redipuglia 57
telefono 071 54390

Prima degli INCONTRI CON I FILOSOFI nel foyer del Teatro Sperimentale sarà attivo il servizio bar dalle 19.00 con aperitivo creato appositamente per il Festival al costo di 5 euro a cura di CAFFÈ DEL TEATRO

Bookshop a cura della LIBRERIA FOGOLA “dal 1898” di Ancona

ORGANIZZAZIONE
Associazione Ventottozerosei- ancona

Comune di Ancona
In collaborazione con
SFI -Società Filosofica Italiana – sezione di Ancona
Università Politecnica delle Marche

PLURALITÀ POSSIBILI

Festival del Pensiero Plurale
LE PAROLE DELLA FILOSOFIA
da febbraio a maggio 2020

“La filosofia non è una disciplina (sebbene sia stata in parte istituzionalizzata), non è un sapere specialistico, né un mestiere, né un’occupazione. Vaga qui e là, anche sulla pubblica piazza, in forme diverse, travestimenti molteplici.”(Donatella Di Cesare, Sulla vocazione politica della filosofia, Bollati Boringhieri, 2018, p. 75)

Nell’attuale temperie sociale e culturale il Festival del Pensiero plurale 2020 vuole invitare a riflettere su “Pluralità possibili” per reagire sia al pensiero unico sia alla decadenza valoriale. Da qui l’indicazione di alcuni “stili di civiltà”, oggetto di quattro Incontri con i filosofi: Giulio Giorello, Stefano Zecchi, Giacomo Marramao e Elena Pulcini i quali indicano rispettivamente l’”ironia” come arma civile, l’”utopia” come progetto culturale, il “mondo” come orizzonte globale e la “cura” come metodologia relazionale. In parallelo, la Scuola di filosofia di Giancarlo Galeazzi sollecita a ripensare tre ideali: la “libertà” come principio enfatizzato o valore equivocato, la “uguaglianza” come promessa disattesa o esigenza fraintesa, e la “fraternità” come principio dimenticato o aspirazione trascurata. Oltre a queste due sezioni, la 24^ edizione de “Le parole della filosofia” presenta due appuntamenti: quello con Embodyed Philosophy di Simona Lisi su “Dall’uno ai molti” e quello con il Debate filosofico degli studenti del Liceo scientifico su “Utilità o inutilità della filosofia?”.

Dunque, accanto ai due cicli (gli Incontri con i filosofi e la Scuola di filosofia), che fin dall’inizio hanno caratterizzato la rassegna, si sono successivamente aggiunti prima una originale sperimentazione filosofica di una danzatrice, poi un dibattito filosofico degli studenti su un tema, allo scopo di aprire la storica rassegna ai giovani, rendendoli protagonisti di alcuni momenti di riflessione filosofica. Con il mix di continuità e innovazione si vuole mostrare come la filosofia coinvolga da un punto di vista intergenerazionale: un rapporto, questo, che proprio nel nostro tempo ha bisogno di essere rinnovato e rinsaldato. Dalla struttura della rassegna emerge che approcci e paradigmi diversi costituiscono un modo efficace di declinare il pensiero, che è plurale o non è. Si evidenzia così che la filosofia favorisce strutturalmente il pluralismo di metodo e di merito; il che appare anche più necessario quando la congiuntura è tale da metterlo a rischio. 

Il fatto che la fortunata rassegna “Le parole della filosofia” (una delle prime in Italia) sia presente ad Ancona da ben 24 anni in continuità e con successo dice chiaramente che la filosofia può essere luogo privilegiato di socializzazione e di riflessione, capace di rispondere alle istanze di conversazione e di discussione, di disputa e di dialogo. A questa funzione civile della filosofia richiama il Festival del pensiero plurale: un pensiero critico e creativo, esigente e includente, tant’è che “Le parole della filosofia” costituiscono oggi ad Ancona (e non solo) una manifestazione culturale molto attesa e partecipata, grazie anche a un team collaudato che permette di presentare un prodotto filosofico di qualità, apprezzato non solo in città, ma anche a livello regionale e nazionale. Per tutto questo, il Comune di Ancona l’ha sostenuta fin dall’inizio.

Paolo Marasca, assessore alla cultura del Comune di Ancona

Continua a leggere

Conclude la Scuola di Filosofia alla Facoltà di Economia

Festival del Pensiero Plurale. Il senso della vita

Venerdì 24 maggio alle ore 17.30, si terrà nell’aula A/2 della Facoltà di Economia “Giorgio Fuà” in piazzale Martelli (ex Caserma Villarey) la lezione conclusiva
della Scuola di filosofia con Giancarlo Galeazzi che è patrocinata dal Comune
di Ancona per il suo valore culturale e sociale, filosofico e educativo, e che quest’anno
è stata dedicata a Il senso della vita.

Si tratta di una questione che suscita valutazioni contrastanti, come è apparso evidente negli Incontri con i filosofi che si sono tenuti al Teatro Sperimentale con quattro noti pensatori (Vito Mancuso, Ivano Dionigi, Sergio Givone e Carla Canullo) e che trova conferma anche in questa Scuola che si tiene di pomeriggio per offrire una occasione
di riflessione pubblica, in particolare a quanti non possono partecipare alle conversazioni allo Sperimentale e tuttavia vogliono affrontare quelle questioni.

Giancarlo Galeazzi

Dunque, fare filosofia per tutti è l’intento della rassegna ormai storica (si tiene da ben 23 anni consecutivi) che, denominata Le parole della filosofia, fa parte del Festival
del pensiero plurale, ideato e coordinato dallo stesso Galeazzi, il quale ha affrontato
il tema del senso della vita, distinguendo due piani: sul piano della domanda,
si tratta di un interrogativo universale, che prima o poi e in un modo o in un altro tutti
si pongono e al quale tutti dedicano una qualche riflessione, pervenendo a tre tipi
di risposta: quella che nega senso alla vita, quella che ritiene si debba attribuire
un senso alla vita, e quella che ritiene si debba scoprire il senso della vita.

A scuola di filosofia - Giancarlo Galeazzi

Queste diverse modalità di rispondere si ritrovano in tre specifiche modalità di ricerca: l’investigazione scientifica, l’interrogazione filosofica e l’invocazione religiosa
che sono state fatte oggetto di altrettante lezioni.
La ricerca scientifica può configurarsi come sperimentazione fisica che si esaurisce nei significati oppure aprirsi ad ipotesi meta-fisiche; la ricerca filosofica può configurarsi come argomentazione per un’ermeneutica di senso oppure per un’analitica di nonsenso; la ricerca religiosa può portare alla accettazione fatalistica della vita oppure aprirla all’attesa escatologica.

In ogni caso, secondo Galeazzi, la domanda di senso è una ricerca inesausta e inesauribile, che è da ritenersi positiva, a prescindere dalla risposta, anche se trova
la sua espressione più compiuta nel dire e custodire il senso della vita ovvero nel dare
e donare il senso alla vita.
E’ chiaro come la domanda di senso sia ineludibile e inestinguibile, dal momento che l’interrogativo, quand’anche dissolto, viene reiterato incessantemente, e, quand’anche risolto, si ripropone non acquietandosi definitivamente in nessuna risposta, per cui,
in ultima analisi, è la ricerca stessa, specificata diversamente nei tre ambiti,
a costituire il senso di una vita bene vissuta.

Così, dopo aver preso in considerazione l’approccio scientifico e quello filosofico, l’incontro del prossimo venerdì sarà incentrato sulla dimensione religiosa, che è certamente luogo privilegiato della domanda di senso, pur nella diversità degli esiti,
per cui è da rifiutare il proselitismo e da esercitare la testimonianza, in quanto quello
è ideologico e questa invece dialogica, e il senso della vita (come la fede) non si deve imporre ma solo proporre.

L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti.
Info: 071.222.5025.